Turismo alberghiero strategico: un volano per il Paese. Il Premio Excellent

La strategicità dell’industria alberghiera (e di quella turistica più in generale) in Italia è raccontata da alcuni numeri: siamo il primo paese dell’Unione Europea per numero di camere e il quinto paese al mondo per arrivi internazionali con oltre cinquanta milioni di arrivi. Pur mandando da anni politiche pubbliche mirate per il settore, il peso specifico del turismo alberghiero per lo sviluppo economico del nostro Paese è elevatissimo.

Oltre 33 mila strutture, più di 1 milione di camere e circa 2,2 milioni di letti, prevalentemente in hotel a 3 e 4 stelle e pochi 5 stelle, che sono però il vero oggetto del desiderio degli investitori internazionali attratti dall’italian lifestyle.

Nonostante la crescita consistente del movimento turistico che l’Italia ha fatto registrare negli ultimi anni grazie soprattutto ai flussi dai Paesi extra-europei l’offerta ricettiva alberghiera e quindi il turismo alberghiero nazionale non sta facendo significativi e strutturali passi avanti dal punto di vista qualitativo.

Il fisiologico processo di ristrutturazione che ha coinvolto il settore e visto ridurre le strutture a 1 e 2 stelle a favore di quelle a 3 e 4 stelle e aumentare la capacità ricettiva media, non ha ridisegnato in maniera profonda il panorama ricettivo alberghiero italiano, che rimane segnato dalla presenza di strutture piccole (meno di 40 camere), a gestione prevalentemente famigliare, e da una tra le più basse penetrazioni delle catene alberghiere d’Europa (4,2% contro il 28% della Spagna, il 20,8% della Francia, il 15,7% del Regno Unito e il 14,5% della Germania.

A confermarlo sono i dati del settore turismo alberghiero, elaborati da Trademark Italia, riferiti al 2018:

–           115 miliardi di euro che diventano 180 miliardi (pari ad oltre il 10% del PIL nazionale se si considera l’indotto dell’intero comparto Viaggi e Turismo)

–           2 milioni 600 mila addetti impiegati nel comparto, di cui il 70% lavora nelle aziende ricettive.

–           3,5 i turisti stranieri su 10 (tra i mercati principali Germania, Francia, Stati Uniti e Cina)

–           7 milioni e 800mila posti letto complessivi nel ricettivo

Per questo il Premio Excellent 2019, il prestigioso riconoscimento, giunto alla XXIV edizione, andrà, a nomi importanti del settore, ma anche della cultura e della politica.

Il Premio, ideato da Mario Mancini (Master Meeting) e dalla senatrice Ombretta Fumagalli Carulli, che presiede la giuria, è riservato a imprenditori e manager del turismo e dell’ospitalità, vero asset strategico dell’economia italiana, ma anche a personalità di primissimo piano del mondo della politica, dell’economia, della cultura, dello sport e della solidarietà che si distinguono per il loro contributo alla valorizzazione e alla promozione del brand Italia nel mondo. La cerimonia di consegna del Premio Excellent 2019 avrà luogo a Milano, all’Hotel Principe di Savoia, lunedì 11 febbraio 2019.

I premiati

La giuria del Premio Excellent ha voluto attribuire per l’edizione 2019 riconoscimenti a quattro personalità delle istituzioni: Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato della Repubblica, Gian Marco Centinaio, Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo italiano. Un riconoscimento particolare andrà anche al decano del Corpo Consolare di Milano e della Lombardia, il Console dott. Walid Haidar. Milano è infatti la città nella quale è presente il maggior numero di rappresentanze consolari, ben 123. Verrà inoltre insignito del prestigioso riconoscimento Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiano.

Del settore alberghiero riceveranno il Premio Excellent 2019: Elisabetta Fabri, President & CEO di Starhotels, Alessio Lazazzera, Direttore Generale dell’Hotel Excelsior Venice Lido Resort, Giuseppe Marchese, Cluster General Manager del Ragosta Hotel Collection Roma, Onorio Rebecchini, Presidente Convention Bureau Roma e Lazio, Marco Sarlo, Management Consultant del Royal Hotel di Sanremo, Roberto Wirth, Proprietario e Direttore Generale dell’Hotel Hassler di Roma, Gloria Armini, Group Brand Manager TTG Travel Experience, sia Hospitality Design e Sun Outdoor Style, e Alessandro Martini, Direttore del Consorzio di Promozione Turistica Fondazione Marca Treviso.

A conclusione dell’anno del cibo italiano non poteva mancare un premio che valorizzasse la ristorazione: a Enrico Cerea, Chef stellato Ristorante Da Vittorio di Bergamo va il Premio Excellent 2019.

 

Pubblicato in In Evidenza, Marketing, Ospitalità, Qualità Taggato con: , ,