La scelta dell’hotel dipende anche dal suo colore. Sai catturare i tuoi ospiti?

Psicologi ed esperti di marketing conoscono bene l’influenza esercitata dai colori sull’emotività umana.
Un semplice tocco di colore per pareti ed arredamento, non solo può essere utile per svecchiare un hotel, ma può cambiarne la percezione agli occhi dell’ospite e far lievitare il numero di prenotazioni.

L’INFLUENZA DEL COLORE SULLA SCELTA DEI PRODOTTI

Nella storia dell’umanità le prime interazioni si basavano essenzialmente sul linguaggio delle immagini, su disegni e colori che riflettevano emozioni ed intenzioni.
Nonostante questo, oggi in pochi si informano e riconoscono il peso che il colore ricopre nella vita delle persone e nelle scelte che  compiono.
Uno studio dell’università di Winnipeg in Canada, “The impact of color on marketing dimostra che l’influenza del colore nelle prime valutazioni di un prodotto si assesta intorno al 60/90%: non solo è un elemento distintivo dei prodotti rispetto a quelli dei competitor ma condiziona sentimenti e mood dei clienti.

Credit: Colours on marketing

IL RUOLO DEL COLORE IN ALBERGO

Purtroppo nella maggior parte dei casi la scelta cromatica genera monotonia, i colori predominanti sono freddi e asettici e infondono sentimenti non adeguati ad un soggiorno rigenerante. L’ospite cerca “calore” negli ambienti e quelle sensazioni che in seguito lo indurranno a tornare, a condividere l’esperienza o a ricercare mete diverse per il prossimo viaggio.

QUALCHE CONSIGLIO UTILE

  • Tenere in considerazione l’associazione universale che le persone hanno in merito ad un determinato colore; ad esempio se si vuole dare l’idea di una location romantica, un colore tendente al beige o al grigio chiaro sarebbe da evitare, mentre sarebbe ideale se si vuole trasmettere produttività e affidabilità.
  • Non tutti percepiscono i colori nello stesso modo, ad esempio esistono profonde differenze tra uomini e donne; gli uomini preferiscono i colori più marcati e più scuri mentre le donne sono attratte dalle tinte pastello o dai soft colors.
  • Bisogna fare attenzione alle sfumature, ovvero lo stesso colore può vuol dire cose diverse in base alla tonalità; ad esempio il blu scuro rimanda ad un’idea di professionalità( molto usato nei siti aziendali ) ma è meno indicato per trasmettere un’idea di serenità e calma, la quale può essere infusa con varie nuance dell’azzurro.
  • Considerare la differenza tra le varie culture in quanto in base alla provenienza e al luogo, i colori possono assumere diversi significati, come il giallo, dove per gli italiani simboleggia gioia e allegria, mentre in Grecia viene associato alla tristezza e alla malinconia.
  • Nelle camere d’albergo è bene prediligere colori tenui e rilassanti
  • Per la sala colazione, reception e spazi comuni  usare i Sun colours (giallo, rosso, arancione)
  • Per la divisa dello staff si possono usare il
    verde e il blu per indicare affidabilità ed efficienza
  • Evitare colori troppo forti e scuri, che appesantiscono l’ambiente
  • Evitare tinte shocking o fluo
  • Non abbinare più di tre colori all’interno della stessa stanza
  • Non utilizzare un colore per le pareti in contrasto con l’arredamento

L’articolo La scelta dell’hotel dipende anche dal suo colore. Sai catturare i tuoi ospiti? sembra essere il primo su Hospitality School.

Pubblicato in Ultime da Hospitality School Taggato con: , , , , , , ,