Alberghi e ricettivo: ecco le ‘linee guida’ dell’OMS per la gestione Covid-19

Alberghi e ricettivo: ecco le ‘linee guida’ dell’OMS per la gestione Covid-19

Pur se la situazione è in continua evoluzione, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato le linee guida per la gestione del Covid-19 nel settore alberghiero e ricettivo in genere. Linee guida – va precisato – provvisorie e ancora abbastanza generiche, pubblicate lo scorso 31 marzo 2020.

Il documento è progettato per garantire al settore alberghiero la protezione della salute del personale e dei clienti ed è rivolto a strutture ricettive turistiche collettive come alberghi e strutture simili, vacanze e altri alloggi di breve durata e campeggi.

Si parte dal presupposto ormai conosciuto a memoria: “Ogni membro del personale deve rispettare rigorosamente le misure di protezione di base contro il Covid-19 raccomandate dall’OMS, come l’igiene delle mani, la distanza fisica, evitare di toccare gli occhi, il naso e la bocca”.

Si passa poi alle azioni concrete che deve attuare il team manager:

  • Il management team, in consultazione con l’autorità sanitaria locale e le associazioni di settore del turismo, dovrebbe stabilire un piano d’azione su misura per la situazione e attuarlo in conformità con le raccomandazioni delle autorità sanitarie pubbliche locali e nazionali
  • Il documento consiglia di tenere un registro delle azioni e delle misure importanti eseguite e di registrarle in modo sufficientemente dettagliato (ad esempio, data e ora in cui è stato utilizzato un disinfettante, da chi, dove…).
Accoglienza
  •     Il personale della reception deve essere sufficientemente informato sul Covid-19 in modo da poter svolgere in modo sicuro i compiti assegnati e prevenire la possibile diffusione del virus all’interno della struttura
  •     Il personale della reception, se possibile, dovrebbe non essere composto da persone di una certa età o con delle condizioni di salute sottostanti. Il personale della reception deve prendere tutte le precauzioni necessarie, compresa la distanza fisica
  •     La reception dovrebbe avere un kit medico che include i seguenti elementi: disinfettante germicida, mascherine e guanti. Inoltre deve avere a disposizione grembiule protettivo (usa e getta), abito a maniche lunghe a tutta lunghezza, sacchetto di rifiuti monouso Rischio biologico.
Servizi tecnici e di manutenzione
  •     Disinfestazione dell’acqua. E’ necessario mantenere la concentrazione di disinfettante in acqua per il consumo e in piscine o centri termali entro i limiti raccomandati secondo le norme e gli standard internazionali
  •     Attrezzature per equipment lavaggio e lavanderia. Occorre controllare il corretto funzionamento delle attrezzature per lavastoviglie e la lavanderia, in particolare le temperature di funzionamento, nonché il corretto dosaggio di prodotti chimici per la pulizia e la disinfezione
  •     Climatizzazione. Occorre prestare attenzione, come in circostanze normali, al monitoraggio della condizione dei filtri e al mantenimento del corretto tasso di sostituzione dell’aria interna
  •     Dispenser. Il piano d’azione dell’hotel dovrebbe includere l’installazione di unità per erogare gel disinfettante nelle diverse aree dell’hotel.
Ristoranti, colazione, sale da pranzo e bar
  •     Buffet e macchine per bevande. Nei buffet, gli ospiti dovrebbero evitare di maneggiare il cibo. Se necessario, modificare le pinze e i mestoli più frequentemente, lasciando sempre questi elementi in contenitori separati. Pulire e disinfettare le superfici a buffet dopo ogni servizio. Le macchine da caffè, le macchine per la soda e altre, in particolare le parti più a contatto con le mani degli utenti, devono essere pulite e disinfettate almeno dopo ogni servizio e più spesso se necessario.
  •     Lavare piatti, argenteria e biancheria da tavola. Devono essere utilizzate le procedure abituali. Tutti i piatti, argenteria e bicchieri devono essere lavati e disinfettati in una lavatrice, compresi gli elementi che non sono stati utilizzati, in quanto avrebbero potuto essere a contatto con le mani degli ospiti o del personale
  •     Spazi e tavoli. Si raccomanda di avere un massimo di 4 persone per 10 metri quadrati. I tavoli devono essere disposti in modo tale che la distanza dal retro di una sedia al retro dell’altra sia a più di 1 metro di distanza e che gli ospiti si affrontino da una distanza di almeno 1 metro.
Aree ricreative per bambini

Si dovrebbe prendere in considerazione la chiusura delle aree ricreative per i bambini. In ogni caso, a queste strutture dovrebbero essere applicati speciali protocolli di pulizia e disinfezione.

Pulizia delle camere e degli ambienti
  • Pulizia e disinfezione. Si raccomanda di migliorare i servizi di igiene. Si dovrebbe prestare particolare attenzione all’applicazione di misure di pulizia e disinfezione nelle aree comuni (stanze, sale, corridoi…) come misura preventiva generale. Particolare attenzione deve essere data agli oggetti che vengono spesso toccati come maniglie, pulsanti dell’ascensore, corrimano, interruttori, maniglie delle porte… Il personale addetto alle pulizie deve essere formato di conseguenza
  • Si raccomanda l’uso di alcol e candeggina e quando possibile utilizzare materiali per la pulizia usa e getta. Eliminare qualsiasi attrezzatura di pulizia fatta di panni e materiali assorbenti
  • Tessuti, lenzuola e vestiti devono essere messi in borse speciali e marcate e maneggiate con cura per evitare l’innalzamento della polvere, mentre gli a rticoli usa e getta (asciugamani, guanti, maschere, tessuti) devono essere collocati in un contenitore con coperchio e smaltiti secondo il piano d’azione dell’hotel e le nor mative nazionali per la gestione dei rifiuti
  • Disponibilità dei materiali. Il personale addetto alle pulizie deve essere formato sull’uso e dotato di attrezzature di protezione personale, come: guanti, abiti usa e getta, scarpe chiuse.

Scarica qui le linee guida dell’OMS!